Accompagnare il proprietario di casa a produrre ricchezza significa inevitabilmente avvicinarlo al mondo dell'economia e del commercio, un mondo nuovo per la maggior parte degli operatori dell'affitto breve che lo percepiscono pieno di insidie e di trappole. Ma non poi così complicato come sembra.

Comunicazione inizio attività

Ogni comune italiano ha a una sua propria modalità originale e nel caso utilizza un suo specifico sportello digitale (SUAP- SUAR…) dire che non ce ne sono due uguali dalla prima all’ultima pagina è forse eccessivo ma noi ad oggi non li abbiamo ancora trovati. Documentazione basica richiesta: carta identità e codice fiscale presentatore, indirizzo stradale ed estremi catastali, numero stanze e posti letto.

Registrazione portale Alloggiatiweb

La richiesta va presentata alla Questura provinciale di competenza via Email o anche direttamente a mano nello specifico ufficio Alloggiati (meglio prendere appuntamento telefonando), ogni provincia ha un suo proprio modulo che è necessario richiedere via Email o scaricare dal sito stesso della Questura, la presentazione va sempre accompagnata dai documenti di identità del titolare.

Gestione imposta di soggiorno

Anche in questo caso ogni amministrazione comunale ha emanato un suo proprio regolamento diverso da tutti gli altri negli importi e nei periodi e modalità di applicazione. Non tutte le città però la impongono alla Locazione Turistica. Anche in questo caso è necessario documentarsi dal sito comunale o direttamente agi sportelli dell’ufficio imposte.

Invio dati flussi turistici

Si trattava di compilare a mano un report o generare un file con i dati quantitativi degli ospiti organizzati per nazionalità e numero di notti, il suo invio è mensile ma molte località non lo prevedono per la Locazione Turistica.

Affidateci la vostra pratica

Siamo presenti in ogni regione ed abbiamo già seguito queste pratiche dall’inizio alla fine in oltre cento comuni, quando in questo elenco non ci fosse ancora il vostro siamo ancora più felici di poterne di fatto sviluppare la procedura dialogando con l’amministrazione e documentandola per le prossime occasioni. Il costo è di € 50 nella maggiore parte dei casi salvo le rare eccezioni i cui vengano richieste particolari specifiche o la presentazione preveda dei costi propri di segreteria.





Tutti i campi contrassegnati con l’asterisco (*) sono obbligatori