Oltre l’Associazione... siamo la soluzione

In queste settimane abbiamo incontrato o comunicato con centinaia di Host e tutti ci hanno richiesto le soluzioni concrete ed efficienti che riassumiamo nei tre servizi che proponiamo ai nostri associati:

Servizio legale. Qualunque sia la regione e la località dove l’Host svolge questa attività una specifica lettera di incarico all’Associazione lo solleva dalle responsabilità ed affida al nostro ufficio legale/ amministrativo il disbrigo delle procedure in Comune e Questura.

Servizio visibilità. Quella dell’Host è una scelta di ricavo economico non di vocazione commerciale, un obiettivo raggiungibile promuovendosi al minor costo su tutti i portali utili. Vi guidiamo in questa scelta e vi assistiamo nella loro configurazione e se non l’avete già vi forniamo la vostra pagina web e Facebook per vendervi senza commissioni a chi già vi conosce.

Servizio commerciale. Insegniamo all’Host ad utilizzare il nostro Channel Manager per gestire in modo automatico tutti i portali che preferisce insieme a Facebook ed al web, mantenendo così nel “motore di prenotazione” sul Cloud i contatti dei clienti e le statistiche di rendimento dei portali e delle pagine. Se l’Host lo richiede possiamo gestirlo noi lasciandogli solo la ricezione e gestione delle prenotazioni e dei clienti e l’incasso del denaro.

 

Richiedeteci informazioni scrivendo o telefonando 02 87261660/ 64
Il costo della quota annuale di associazione viene sempre scalato dal primo ordine di servizi acquistato.

Il nostro programma

Liberi di non diventare albergatori per ospitare qualcuno a casa nostra.
Liberi di offrire un servizio professionale senza diventare professionisti del servizio.
Liberi di pagare le tasse senza dover assumere un commercialista per affittare la casa.
Liberi di scegliere come, dove, a chi ed a quale prezzo affittare la nostra casa

Cerchiamo Host con spirito d’iniziativa e capacità di comunicazione

Per creare punti di contatto in ogni città italiana, se sei interessato scrivici

Airbnb Tax: cosa salvare e cosa non potrà mai funzionare nel decreto legge 50/2017

Airbnb Tax: cosa salvare e cosa non potrà mai funzionare nel decreto legge 50/2017

Cominciamo dall’inizio e quindi dai numeri, che in questo caso trattandosi di ricavi e di imposte a valere su di essi sono precisamente l’oggetto del contendere. Il Sole 24 ore del 13 gennaio 2017 riporta dalla società Equidate una stima di 83.000 Host italiani con un ricavo medio annuo di € 2.300 ognuno, peraltro esattamente i medesimi dati del Report AIRBNB_Italia relativo al 2015. Il volume totale di questi ricavi assomma a € 190.000.000 che se fossero tassati flat al 21% dalla cedolare secca della legge di cui parliamo, porterebbero nelle casse del fisco l’importo di € 40.000.000. Non abbastanza da incidere sul PIL o influenzare la prossima manovra economica ma certamente un positivo passo avanti. Ma cosa dice effettivamente …
Il nome della cosa - La verità, vi prego, sulla Locazione Turistica

Il nome della cosa - La verità, vi prego, sulla Locazione Turistica

Ebbene sì, dopo l’ultimo post di ieri “Locazione turistica, mettersi in regola tutti” mi hanno accusato come Socrate di traviare le nuove generazioni di Host diffondendo informazioni “false e tendenziose” che li porteranno inevitabilmente attraverso la confusione a perdersi nel complicato mondo della normativa AIRBNB. Ma dove ho sbagliato? Nel chiamare con il suo nome quella cosa lì... massì quella che noi Host facciamo quasi tutti i giorni. No, non intendevo proprio quella lì, l’oggetto del desiderio che Roberto Benigni in uno sabato televisivo del ‘91 seguito da milioni di persone, cominciò ad elencare nei cento e più termini utilizzati in Italia per definirla, (seguite questo link e scoprite i dieci minuti di televisione più spassosi del secolo). Del resto …

Testimonianze

Successivo Precedente
airbnb logo
homeaway logo
flipkey logo
booking logo
bemate logo
windmu logo